Previsioni per il settore manifatturiero 2024

Home » Previsioni per il 2024

A cura di Maggie Slowik, Global Industry Director Manufacturing presso IFS

Nel 2023 i produttori hanno dovuto affrontare sfide intense, tra cui l’aumento della concorrenza, la complessità delle richieste dei clienti e l’inasprimento delle normative. Per mantenere un vantaggio competitivo nel 2024, l’adozione di nuove tecnologie per attenuare la volatilità è fondamentale. L’adozione di queste tecnologie aiuterà i produttori a gestire efficacemente l’aumento della volatilità e a differenziarsi sul mercato.

Nelle loro previsioni per il 2024, Maggie Slowik e Andrew Burton approfondiscono gli aspetti del mercato, individuando quattro previsioni chiave che sono destinate a rafforzare la resilienza delle imprese nel settore manifatturiero.

Previsione #1

Nei prossimi tre anni si prevede un aumento del 40% degli investimenti e della domanda dell’intelligenza artificiale (IA) e di riconoscimento dei modelli di dati. Nello stesso periodo, si prevede che la spesa per l’IA nel settore IT aumenterà del 40%. Questo aumento degli investimenti è destinato a migliorare l’efficienza produttiva attraverso l’implementazione del riconoscimento dei modelli di dati da parte dell’intelligenza artificiale (IA). Utilizzando i dati storici, l’IA è in grado di analizzare rapidamente i dati di produzione in tempo reale, rilevando modelli e anomalie. Il valore duraturo dell’IA e del riconoscimento dei modelli di dati consiste nel fornire ai produttori un’analisi continua delle cause principali, l’ottimizzazione del flusso di lavoro e la capacità di prevedere potenziali problemi di qualità dei prodotti confrontando vari punti di dati.

Man mano che i sistemi di produzione diventano più complessi, il ruolo del riconoscimento dei modelli di dati guidato dall’intelligenza artificiale diventa fondamentale per affinare il controllo della qualità, prevedere i problemi delle apparecchiature e ottimizzare la produzione per ottenere una riduzione dei difetti, una maggiore efficienza complessiva delle apparecchiature (OEE) e un sostanziale risparmio sui costi. Nell’era dell’Industria 4.0 e dell’emergente Industria 5.0, in cui viene generata una quantità spropositata di dati ogni secondo, l’IA è pronta a diventare uno strumento indispensabile per i produttori, superando la capacità cognitiva della mente umana di gestire tale afflusso di dati.

Previsione #2

Nei prossimi 2-5 anni, le aziende manifatturiere con una maturità digitale avanzata abbracceranno la pianificazione dinamica incorporando la tecnologia IA per migliorare i loro sistemi di Enterprise Asset Management (EAM) e di Enterprise Resource Planning (ERP). Il tradizionale approccio statico alla pianificazione non è più adeguato alla produzione contemporanea. Secondo McKinsey, l’utilizzo di strumenti di riconoscimento dei modelli di intelligenza artificiale può portare a un aumento del 4% dei ricavi, a una potenziale riduzione delle scorte fino al 20% e a una diminuzione dei costi della supply chain fino al 10%.

Una recente ricerca condotta da IFS indica che i produttori sono costantemente alle prese con sfide continue nelle loro supply chain. Tuttavia, sfruttando le capacità dell’IA, dell’ERP e dell’EAM, i produttori possono ottimizzare l’inventario, allocare le risorse in modo efficiente e utilizzare i dati delle macchine in tempo reale. L’integrazione di strumenti basati sull’intelligenza artificiale consente ai produttori di rispondere prontamente alle variazioni della domanda, alle interruzioni della supply chain e alle fluttuazioni del mercato.

Ad esempio, l’integrazione dell’IA nei sistemi ERP consente ai produttori di adattarsi rapidamente a variazioni impreviste delle materie prime, prevedendo potenziali ritardi da parte dei fornitori. Questo approccio proattivo migliora l’adattabilità, riduce i tempi di consegna e minimizza l’impatto delle interruzioni della supply chain, promuovendo così una produzione efficiente.

Previsione #3

Secondo la British Chambers of Commerce (BCC), l’industria manifatturiera mondiale è in preda a una profonda crisi di talenti, con il 78% delle aziende del settore edile, produttivo, manifatturiero e logistico che faticano a reclutare lavoratori qualificati. L’invecchiamento della forza lavoro e il cambiamento dell’etica lavorativa, intensificati dalla pandemia COVID-19, contribuiscono alla crisi, causando interruzioni della produttività dovute all’aumento del turnover dei dipendenti.

Una recente assemblea del Customer Advisory Board di IFS ha sottolineato che l’acquisizione di competenze è solo una parte della sfida; la formazione e il mantenimento dei talenti sono altrettanto cruciali. I produttori riconoscono la necessità di integrare la tecnologia per migliorare la produttività, con il 62% che riconosce il potenziale di migliori strumenti tecnologici e il 58% che dichiara un aumento delle esigenze tecnologiche negli ultimi cinque anni.
Uno studio IDC commissionato da IFS ha evidenziato che il 45% dei produttori dà priorità al miglioramento dell’esperienza del lavoratore attraverso la tecnologia. Il concetto di “lavoratore connessi”, che coinvolge i dipendenti nell’integrazione della tecnologia, può aumentare la produttività, l’efficienza e migliorare l’esperienza dei lavoratori in officina, sbloccando potenzialmente oltre 100 miliardi di dollari di valore per il settore.

La tecnologia del lavoratore connesso e la collaborazione digitale hanno il potenziale per aumentare la produttività del 20-30% nei processi di lavoro intensivi. Riconoscendo le persone come l’asset più critico di un’azienda, gli strumenti e le piattaforme per i lavoratori connessi possono migliorare l’impegno, la produttività e la soddisfazione sul lavoro, fornendo un vantaggio competitivo. In prospettiva, si prevede che l’intelligenza artificiale svolgerà un ruolo cruciale nel potenziare ulteriormente il lavoratore connesso, offrendo approfondimenti e precisione per migliorare l’efficienza.

Previsione #4

Entro il 2025, si prevede che il 30% delle aziende manifatturiere integrerà strategie di circolarità nei propri modelli di business, inizialmente finalizzate alla riduzione dei rifiuti e al miglioramento dell’efficienza delle risorse. I modelli aziendali lineari, caratterizzati da un approccio “take-make-waste”, sono sempre più considerati insostenibili, impopolari e soggetti a rischi commerciali.

Circa il 42% dei produttori globali esprime preoccupazione per la scarsità di forniture chiave e l’aumento dei costi delle materie prime. Per ridurre la dipendenza dalle materie prime e rafforzare la resilienza, i produttori devono rivalutare i loro modelli di business e abbracciare la circolarità. Bain & Company riferisce che il 33% dei dirigenti prevede di essere disturbato dalle start-up che si occupano di circolarità, che reintegrano prodotti o materiali nella supply chain, migliorando la resilienza e la redditività.

L’urgenza della circolarità è amplificata dalla rapida evoluzione del panorama normativo nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti. Politiche come il Green Deal europeo stanno accelerando la transizione verso un’economia circolare. I produttori che si preparano a questo cambiamento hanno bisogno di tecnologie adeguate. Progettare per la circolarità è fondamentale, poiché circa l’80% degli impatti ambientali legati ai prodotti sono determinati durante la fase di progettazione. I produttori devono considerare le scelte dei materiali, le decisioni dei fornitori e la riprogettazione dei prodotti per facilitare il disassemblaggio, la riparazione e il riciclaggio per la circolarità futura.

Il settore ha bisogno di una gestione efficiente dei resi e di incorporare la reverse logistics, riconosciuta da Gartner come un fattore chiave per le strategie di circolarità. Questo modello di business circolare consente ai produttori di restituire in modo efficiente i prodotti a fine vita, riducendo al minimo i rifiuti. La tracciabilità è un’altra capacità essenziale per la circolarità, che consente ai produttori di tracciare materiali, parti e prodotti durante il loro ciclo di vita. Ciò garantisce una consapevolezza continua del percorso e dell’impatto ambientale di un prodotto.

Promuovere innovazione, resilienza e circolarità nel viaggio verso il 2024:

I produttori sono abituati ad affrontare numerose sfide. La loro incrollabile resilienza spinge all’innovazione, mentre abbracciano tecnologie cruciali per migliorare le operazioni. Nel 2024 e oltre, la loro attenzione all’efficienza e all’ottimizzazione sarà fondamentale per mantenere un vantaggio competitivo.

Abbiamo il supporto di cui hai bisogno.
Siamo qui per voi!

Soluzioni